mercoledì 15 ottobre 2014

venerdì 10 ottobre 2014

Doppia Splash Robotics "le origini del male"

Doppia Splash-page tratta sempre da ROBOTICS LE ORIGINI DEL MALE.
Potrete leggere la storia all'interno della nuova rivista Yang che sarà presentata al lucca comics 2014

Titolo: Robotics "le origini del male"
storia, chine, letterign: Claudio Iemmola
matite, colori: Giacomo Pilato 
editore: Shockdom


martedì 7 ottobre 2014

Robotics "le origini del male"



un saluto a tutti,
come sempre passo poco dal blog ma il tempo è quel che è. Questa volta, comunque, annuncio che è finalmente pronta la seconda storia di Robotics ( qui trovate il volume 1 acquistabile on line presso lo store di schokdom o nelle vostre fumetterie di fiducia) che racconta, in uno spin-off di 17 pagine, i fatti precedenti al 1' volume. Scoprirete come si sono conosciuti, e sono entrati in lotta, Dreamer e Msprizer.
La storia sará presentata all'interno della rivista Yang, edita da Shockdom, è presentata al Lucca comics 2014.

Storia,sceneggiatura,chine, lettering: Claudio (Claps) IEMMOLA
Matite e colori: Giacomo Pilato

Seguiteci e supportateci sulla nostra fan page

O nel nuovo blog

In attesa di ulteriori novità vi lascio con il primo teaser, realizzato da me con l'aiuto di Claudio.
Buona visione e un saluto a tutti.


venerdì 20 giugno 2014

Robotics, presentazione al Games Academy di Palermo

Ciao a tutti,
come da titolo, per chi fosse nella zona del Palermitano, venerdì 27 giugno ore 18:00 si terrá la presentazione di Robotics presso il Games Academy di Palermo. Sará un buon modo per discutere di fantascienza insieme agli autori presenti che saremo io è Claudio Iemmola.

Passate a trovarci se siete in zona.
Per info e dettagli visitate la pagina FB:

https://www.facebook.com/events/656873781056996/?ref_newsfeed_story_type=regular
----

La presentazione è andata molto bene, poche persone ma con le quali sono usciti discorsi interessanti.
Claudio Iemmola dice la sua sulla presentazione, andate a dare un'occhiata al suo blog.

martedì 10 giugno 2014

ROBOTICS tra coraggio e scommessa

Ciao a tutti,
è passato molto tempo dall'ultimo post, circa un anno fa è molto più di "molto tempo" ma vabbè...rieccomi!

Torno dall'Etna Comics con nuova linfa vitale e nuovi buoni propositi tra cui un cambiamento radicale a questo blog (appena avrò un pò di tempo per farlo) e un portfolio che sia all'altezza della concorrenza in visione del Lucca comics.

I social network, nel bene o nel male, hanno aperto un mondo nuovo e grazie a questo mondo che a Catania ho avuto il piacere di conoscere di persona gente che seguivo nel web, ho ritrovato vecchie amicizie con cui si erano un pò persi i contatti da anni, ho conosciuto nuove persone che hanno portato il loro mondo e tutti, a loro modo, mi hanno dato qualcosa.

Non starò qui ad annoiarvi con i mille motivi per cui mi è piaciuta questa esperienza, ma sicuramente uno di questi è ROBOTICS.

Robotics è un prodotto a cui hanno lavorato più persone. Le fantastiche copertine di Christian G.Marra e Gaetano Matruglio (per quella che riguarda la mia storia) hanno contribuito ad impreziosire un albo su cui c'è molto da dire.

L'albo è edito dalla Shockdom, casa editrice in costante crescita nel mondo del fumetto sia digitale che tradizionale.

Non è facile aprirsi ad un nuovo titolo, all'interno di una linea editoriale ben precisa, Lucio Staiano (editore) dimostra di avere una buona dose di coraggio presentando un prodotto non facile ma su cui decide di scommettere.
Il prodotto finale, come gli altri albi editi dalla stessa casa editrice, è di alto livello. Quando vidi Robotics per la prima volta allo stand mi emozionai...soddisfattissimo del prodotto finale.

Ho utilizzato 2 termini non a caso "scommessa" e "coraggio". Questi, valgono sia per l'editore come per il suo ideatore Claudio (CLAPS) Iemmola un personaggio complesso e pieno di sfumature, tante quante ne trovrete leggendo Robotics.

Quando ti trovi ad avere un'idea come Robotics, specialmente se sei un disegnatore, è molto probabile che si tenti di fare tutto da soli. Il motivo è semplicissimo: e' una tua creatura e solo tu ne conosci tutte le sue sfaccettature, ne conosci il sapore, il peso, la direzione...un grande amore che è difficile condividere con qualcuno o nel quale qualcuno possa accedere.

In questo piccolo, ma grande, dettaglio distingui il professionista dall'appassionato.

Proprio perchè questo amore è così grande, decidi che da solo non puoi gestirlo...o comunque, non nella direzione in cui vuoi che vada. Si prende coscenza dei limiti e ci si adopera in qualsiasi modo per superarli, anche in team se è quello che serve al risultato finale. State attenti, perchè non è facile accettare l'idea specialmente se i casting sono fatti via internet e dunque con gente di cui non sai praticamente niente a parte quel poco che ti basta vedere per proporgli la tua idea. Quindi, ci vuole una buona dose di coraggio in questo e personalmente mi ritengo molto fortunato del fatto che abbia scommesso su di me. Da parte mia è stata un'ottima occasione per migliorare nel mio lavoro al fianco di un professionista che mi ha arricchito con il suo background.

All'inaugurazione di Robotics, ho avuto il piacere di conoscere anche il nostro sceneggiatore Francesco Polizzo (in arte Paul Izzo) una persona paziente, carismatica e coinvolgente. Un pezzo sicuramente importante in questo team. Mi sarebbe piaciuto parlare un pò di più  con lui ma i ritmi in una fiera sono rapidi e non sempre si riesce a ritagliarsi un pò di tempo per discutere con calma, ma sicuramente non mancheranno occasioni in futuro.

Lavorare in un team, per tutte le persone coinvolte, è decisamente complesso se non ci si conosce bene. Bisogna avere capacità di adattamento, pazienza e, sopra ogni cosa, professionalità. Troppo facile di fronte ad un problema gettare la spugna e passare. Robotics è il risultato di tutto questo.

Non è soltanto un fumetto di fantascienza, è una scommessa che tutti abbiamo fatto ed il coraggio che abbiamo avuto nel metterci in gioco tutti insieme. Ognuno a suo modo e nel suo piccolo ha superato i propri limiti a favore del risultato finale.

Ringrazio tutti coloro che sono passati a trovarci allo stand e chi, acquistando Robotics, ha deciso di iniziare questo viaggio con noi. Sono importanti i vostri commenti e le vostre critiche è un progetto giovane e, come tutti, ha bisogno di una buona dose di passaparola.

Concludo riportando qui di seguito recensioni e info relative a ROBOTICS
Un saluto a tutti e a presto.

L'avventura è solo all'inizio.




Io insieme al Grande Greg Capullo

Dottor Male legge Robotics 

Gli autori da sinistra verso destra: Giacomo Pilato, Francesco Polizzo, Claudio Iemmola

insieme a Clara 



------------------------------------------------

Dove aquistare Robotics?

Potete acquistarlo on line a questo indirizzo o ordinarlo nelle vostre fumetterie di fiducia.

Pagina facebook di Robotics

In questa pagina troverete gli aggiornamenti relativi alla serie e potrete inviarci i vostri commenti.

Recensioni e interviste

TUTTO CARTONI

COMICSBLOG

COMICSBLOG intervista Claudio Iemmola

OVER NEWS MEGAZINE articolo di Niccolò Pugliese


Spazio ai lettori (dalla pagina Fb)


Mary Shan:


Salve a tutti! Ho finito di leggerlo (si, il fumetto)! Sarò breve: complimenti per il concept e per la storia; riesce a trasmettere il senso di vuoto, di malinconia e paura , svelando le debolezze della psiche umana, tutto contornato da visioni futuristiche, che appaiono come reali alternative a ciò che noi adesso chiamiamo "vita". Disegni originalisimi e scenari apocalittici, che nonostante la loro freddezza , risultano comunque avvolgenti. Non ho percepito confusione o poca chiarezza, il tutto è stato gestito abbastanza bene, cosa non facile per una serie che "parla" di robots, che usano termini molto avanzati. L'opera può essere quindi letta, anche da chi non è amante del genere, riuscirà comunque a gustarsela. In conclusione: mi è piaciuto e non mi sono pentita dell'acquisto! Un saluto a tutta la crew, alla prossima!

Daniele Romano:

Ho assistito alla presentazione di sabato per caso e il vostro progetto mi ha folgorato.
Era il genere di storia che aspettavo da anni, io che di anni ne ho 42 e sono cresciuto con i robottoni, che mi commuovo tutte le volte che rivedo Blade Runner e che per qualcosa come 10 anni ho atteso numero dopo numero la fine della storia di Alita.
Purtroppo mi è dispiaciuto dover andare via prima che arrivasse il mio turno per avere il mio robottone personalizzato, ma grazie allo splendido Giacomo (che non finirò ma di ringraziare) ho ritirato stamattina la mia copia "personalizzata", e devo dire che mi somiglia anche parecchio.
Continuate così, aspetto il secondo numero....




Translate this blog